x.gif
 

Sistema Texo®

 
Texo.30.jpg

TEXO®, pannello in tessuto preteso, è un sistema strutturale brevettato da Tensoforma, basato sull’ impiego di un particolare telaio in profilato estruso di alluminio ed un elastomero in silicone interposto tra il telaio in profilato ed una membrana tessile. TEXO® rappresenta un sistema di involucro innovativo, versatile, altamente performante e utilizzabile sia in caso di nuove realizzazioni quanto nella riqualificazione di edifici.

Si possono quindi ottenere pannelli modulari che sono uniformemente pretesi (comportamento elastoplastico dell'elastomero) lungo il perimetro, dotati di ulteriori capacità di allungamento per assorbire ulteriori carichi di sollecitazione (vento) e con una garanzia di mantenimento costante alla pretensione originale nel tempo, indipendentemente dagli allungamenti o riduzioni del materiale tessile che sono compensate dall'azione dell'elastomero di silicone.

Il pannello Texo60 è costituito da un profilo quadrato (dimensioni 60mm) in alluminio 6060 T5 soggetto a trattamento di anodizzazione chimica, spessore 15 micron, completo di giunti angolari “binoculari” in profilo estruso anodizzato 6060 T5. Il dettaglio angolare è completato da tre piastre di alluminio sagomate, spessore 5 mm.

Rispetto allo specifico sistema di giunti angolari, il pannello viene assemblato per mezzo di una macchina specifica con martinetti idraulici per ottenere l'esatto valore di precompressione della membrana tessile. La pretensione trasforma la membrana in un elemento strutturale e rigido. Una volta assemblato e precompresso, il telaio viene completato per mezzo di un profilo estruso in alluminio 605 T5 a forma di L, anch'esso anodizzato, come finitura.

Il profilo quadrato principale presenta due scanalature (canali triangolari) per includere elementi in alluminio sagomati per fissare piastre di supporto del pannello per il collegamento alla sottostruttura.

Il sistema è attualmente applicato come schermatura  solare (combinazione di pannello tessile con vetro o protezione di superfici opache con conseguente riduzione del carico termico superficiale), come facciata tessile nell'ambito di progetti di ristrutturazione architettonica (modifica della superficie della facciata) e come un involucro effettivo (con prestazioni eccellenti in termini di tenuta all'acqua e all'aria e resistenza al calore).

 TEXO rappresenta un sistema di inviluppo innovativo per le facciate tessili, versatile e ad alte prestazioni che può essere utilizzato per nuove costruzioni e per ristrutturare edifici. I pannelli TEXO sono inclusi in un sistema di montanti e traversi e il sistema di tenuta è assicurato da una serie di ganci di sospensione. Il sistema di facciata tessile è a sua volta collegato con l'edificio mediante staffe. L'impermeabilità è garantita da un sistema di tenute.

 
ew.jpg

Componenti

1. Telaio -Profilo estruso 6060 T5 - 60 mm

2. Giunto angolare - Piastre sagomate in alluminio

3. Elastomero

4. Rivestimento esterno - Profilo estruso 6060 T5 - Forma a “L”

5. Tessuto

 
 

Le dimensioni dei pannelli non sono standard ma sono prodotte individualmente per adattarsi alle caratteristiche del progetto: l'unica limitazione è la possibilità di trasporto. Pertanto, utilizzando i normali mezzi di trasporto, la dimensione massima è di 12,5 m x 2,5 m di altezza per pannello.

I molteplici usi del sistema TEXO® si riferiscono alla grande disponibilità di tessuti tecnici ora presenti sul mercato internazionale. Il sistema, originariamente concepito e sviluppato per applicazioni esterne, come facciate tessili, è attualmente utilizzato anche per molte applicazioni interne.

Vengono utilizzati tessuti microforati, reti e tessuti solidi altamente traslucidi, compresi quelli per retroproiezioni, con possibilità di stampa digitale in quadricromia, nonché tessuti con caratteristiche di isolamento acustico, in particolare per interni, e, ultimo ma non meno importante, tessuti fotovoltaici.

Da un punto di vista tecnico, i tessuti più utilizzati sono quelli con supporto in poliestere ad alta resistenza, tessuti in fibra di vetro. Per quanto riguarda i rivestimenti, oltre al polivinilcloruro, le opportunità offerte dal silicio e dal PTFE (Teflon) portano a livelli molto elevati di prestazioni.

In termini di ammissibilità tecnica per il suo utilizzo nelle facciate, il sistema è certificato dalla tecnica Avis 2 / 07-1273 emessa in Francia dal CSTB (Centre Scientifique et Technique du Bâtiment - Centro scientifico e tecnico per l'edilizia - Dipartimento Enveloppe Et Revetements, Parigi) .

CSTB.jpg